Passa ai contenuti principali

Lo studio legale Curci & Genovese compie un anno: un bilancio e qualche riflessione

In questi giorni il nostro studio compie un anno di attività.

E' dunque l'occasione per fare un piccolo bilancio e mettere in comune con clienti e visitatori delle nostre pagine internet alcune riflessioni su quanto sino ad ora svolto.

Lo studio è nato con lo scopo principale di offrire un'assistenza legale competente e multidisciplinare attraverso un rapporto chiaro e trasparente con la clientela.

Ci siamo impegnati a migliorare le modalità di comunicazione con i nostri clienti e la gestione delle loro pratiche attraverso un potenziamento degli strumenti informatici a disposizione dello studio.

Abbiamo avviato un processo di digitalizzazione e gestione dei fascicoli ormai quasi completato che ci consente un rapido ed efficace accesso alle pratiche, sia in studio che da postazioni esterne e, dunque, anche in mobilità.

Abbiamo offerto ai clienti che ne facessero richiesta la possibilità di accedere a tutta la documentazione on line riguardante la loro posizione.

Ci siamo sforzati di rendere più chiare possibili le tariffe applicate dal nostro studio e le modalità di determinazione del compenso per l'attività professionale richiesta.

Abbiamo dedicato molto tempo a migliorare ed implementare le nostre pagine internet e questo blog dove vengono periodicamente pubblicati aggiornamenti sulla nostra attività.

Il sito www.emiliocurci.net, nell'anno ormai quasi trascorso ha visto la presenza di 13.351 visitatori unici e le sue pagine sono state visualizzate per 27.310 volte

Ci siamo occupati di diritto di famiglia, recupero crediti, responsabilità civile, giudizi penali, immigrazione, diritto internazionale, nonchè di svariate altre materie.

Abbiamo spesso avuto relazione con clienti non abbienti e ci siamo impegnati a seguire le loro vicende attraverso l'utilizzo del gratuito patrocinio, strumento che lo Stato mette a disposizione per chi non ha mezzi sufficienti per sopportare le spese legali.

Alcuni visitatori del sito ci hanno contattato personalmente per chiederci consigli o affidarci degli incarichi e noi li ringraziamo per questo.

Abbiamo provato a coinvolgere i visitatori di queste pagine su temi di attualità concernenti la giustizia chiedendo loro pareri e commenti, ma purtroppo non c'è stata grande risposta, motivo per cui vi invitiamo ancora a leggerci e se ritenete interessanti i nostri contributi a farci pervenire la vostra voce semplicemente inserendo un commento sotto il singolo post del blog.

Abbiamo iniziato un percorso finalizzato a far diventare le nostre pagine sempre più interattive e di facile lettura per clienti e visitatori del sito.

Abbiamo creato un questionario per valutare il livello di gradimento del nostro studio compilabile on line, anche in forma anonima.

Abbiamo creato nuovi servizi di immediata fruibilità come la consulenza legale on line e la video consulenza che, in caso di necessità, vi invitiamo a provare.

Ci siamo impegnati ad offrire nuove modalità di contattarci (internet, social network, ecc..), nonchè a rendere anche il nostro ufficio sempre più accogliente e confortevole per tutti.

A tutti quanti verranno a trovarci avremo, infatti, il piacere anche di offrire un buon caffè, proprio come segno di accoglienza.

Insomma un anno è passato e pensiamo di aver fatto tanto per venire incontro alle esigenze della nostra clientela.

Ora proviamo ad andare avanti cercando di farlo sempre meglio e migliorare ancora.

Per questo motivo fateci avere le vostre opinioni, i vostri commenti e i vostri suggerimenti, saremo sempre ben lieti di tenerne conto.

Grazie

Emilio Curci e Antonia Genovese


Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Chiusura per ferie e orari estivi dello studio

Comunichiamo che lo studio legale Curci & Genovese rimarrà chiuso per ferie dal 5.08 al 18.08.2013 e, pertanto, in detto periodo non sarà possibile, nè ricevere clienti, nè essere raggiunti telefonicamente ai recapiti telefonici.
Resta, comunque, sempre possibile contattarci via email all'indirizzo info@emiliocurci.net che viene consultato in tempo reale dai nostri avvocati al fine di fissare appuntamenti e/o colloqui per esigenze straordinarie che si dovessero verificare nel detto periodo.
Ricordiamo, in ogni caso, che è possibile stabilire dei contatti con i nostri professionisti, anche fuori studio, in modalità telematica così come meglio specificato nella nostra pagina, previo apposito appuntamento sempre da fissare tramite richiesta inoltrata all'indirizzo info@emiliocurci.net.
L'attività di studio riprenderà a partire dal giorno 19 agosto, sebbene in modalità ridotta. 
Per tali motivi, fino al successivo giorno 26, vi preghiamo di prediligere lo strumento della …

Le indagini patrimoniali sui debitori per il recupero del credito

Frequentemente il nostro studio si occupa di recupero del credito, sia a favore di cittadini che di imprese.
Naturalmente le modalità di recupero sono diverse a seconda della tipologia di credito in questione, ossia se si tratta di un'azione da effettuare sulla base di un titolo esecutivo già esistente ed autonomamente azionabile (es: un assegno o una cambiale) o, se viceversa, ci si debba preventivamente munire di un titolo da far valere nei confronti del debitore (es: decreto ingiuntivo per mancato pagamento fatture).
Infatti, prima di poter aggredire il patrimonio di un debitore è indispensabile essere in possesso di un titolo a cui la legge riconosce "efficacia esecutiva" e, cioè, di un atto o di un documento che consenta di avviare, dopo una preventiva intimazione di pagamento (c.d. precetto), una procedura esecutiva (pignoramento) sui beni dello stesso, al fine di soddisfare il proprio credito.
La legge riconosce efficacia esecutiva ad una serie di documenti, tra …