Passa ai contenuti principali

Pensione di reversibilità riconosciuta anche al coniuge superstite divorziato con sentenza parziale di divorzio senza assegno: importante sentenza ottenuta dal nostro studio legale

Segnaliamo che il nostro studio legale ha recentemente ottenuto dalla Corte dei Conti di Bari - sezione giurisdizionale per la Puglia un'importante sentenza che affronta, in maniera inedita, un problema non ancora risolto a livello legislativo.

Avevamo già parlato dell'argomento in questo post del nostro sito quando il procedimento era ancora sub judice, ma recentemente è stato depositato il provvedimento che ha definito il giudizio.

Nella sentenza n. 1434/2012 del 23.10.2012 la Corte ha, infatti, affermato il principio per cui la pensione di reversibilità spetta anche a favore del coniuge superstite divorziato soltanto con sentenza parziale che non sia riuscito ad ottenere per la premorienza dell'altro coniuge in corso di causa sentenza definitiva che statuisca a suo favore l'erogazione dell'assegno divorzile.

La vicenda

Nel caso di specie, tra due anziani signori, pendeva presso il Tribunale di Bari, un procedimento di cessazione degli effetti civili del matrimonio, introdotto a seguito di un precedente giudizio di separazione, già definito tra le parti.

Stanti le condizioni economiche più disagiate della moglie, il Tribunale di Bari aveva posto a carico del marito un assegno di mantenimento regolarmente erogato anche durante il procedimento di divorzio.

Instaurato il procedimento di divorzio il Tribunale emetteva una sentenza parziale di cessazione degli effetti civili del matrimonio, rimettendo, dopo l'esaurimento della fase istruttoria, alla sentenza definitiva la statuizione sulle condizioni economiche, ivi inclusa la decisione sull'entità dell'assegno divorzile.

Nelle more del procedimento decedeva il marito e, dunque, la causa di divorzio veniva dichiarata improcedibile.

La moglie procedeva, dunque, ad inoltrare all'INPDAP (ora INPS) domanda per il riconoscimento della pensione di reversibilità che veniva inizialmente rigettata in quanto l'ente pensionistico, interpretando letteralmente l'art. 9 comma 2 della legge n. 898/70, riteneva che la stessa non potesse essere erogata, stante la mancata attribuzione dell'assegno divorzile in favore del coniuge superstite.

Il provvedimento di rigetto della pensione è stato impugnato dinanzi alla Corte dei Conti che ha, invece, accolto il ricorso sostenendo che sulla detta norma deve essere effettuata non un'interpretazione rigida, bensì una costituzionalmente orientata che valorizzi la sussistenza dello stato di bisogno in capo al coniuge superstite quale elemento sufficiente a determinare il suo diritto a percepire la pensione di reversibilità anche non in presenza di un assegno divorzile stabilito con sentenza.

Al di là dei commenti sulla sentenza che eventualmente lasciamo a chi ne abbia interesse per motivi di studio e di approfondimento, riteniamo che una simile decisione vada apprezzata per la sua visione solidaristica e conforme ai principi costituzionali e possa aprire la strada a successivi provvedimenti giurisprudenziali, ma anche ad un intervento normativo che colmi il vuoto in materia.

In ogni caso per tutti i chiarimenti siamo disponibili ai nostri recapiti di studio.


Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Chiusura per ferie e orari estivi dello studio

Comunichiamo che lo studio legale Curci & Genovese rimarrà chiuso per ferie dal 5.08 al 18.08.2013 e, pertanto, in detto periodo non sarà possibile, nè ricevere clienti, nè essere raggiunti telefonicamente ai recapiti telefonici.
Resta, comunque, sempre possibile contattarci via email all'indirizzo info@emiliocurci.net che viene consultato in tempo reale dai nostri avvocati al fine di fissare appuntamenti e/o colloqui per esigenze straordinarie che si dovessero verificare nel detto periodo.
Ricordiamo, in ogni caso, che è possibile stabilire dei contatti con i nostri professionisti, anche fuori studio, in modalità telematica così come meglio specificato nella nostra pagina, previo apposito appuntamento sempre da fissare tramite richiesta inoltrata all'indirizzo info@emiliocurci.net.
L'attività di studio riprenderà a partire dal giorno 19 agosto, sebbene in modalità ridotta. 
Per tali motivi, fino al successivo giorno 26, vi preghiamo di prediligere lo strumento della …

Le indagini patrimoniali sui debitori per il recupero del credito

Frequentemente il nostro studio si occupa di recupero del credito, sia a favore di cittadini che di imprese.
Naturalmente le modalità di recupero sono diverse a seconda della tipologia di credito in questione, ossia se si tratta di un'azione da effettuare sulla base di un titolo esecutivo già esistente ed autonomamente azionabile (es: un assegno o una cambiale) o, se viceversa, ci si debba preventivamente munire di un titolo da far valere nei confronti del debitore (es: decreto ingiuntivo per mancato pagamento fatture).
Infatti, prima di poter aggredire il patrimonio di un debitore è indispensabile essere in possesso di un titolo a cui la legge riconosce "efficacia esecutiva" e, cioè, di un atto o di un documento che consenta di avviare, dopo una preventiva intimazione di pagamento (c.d. precetto), una procedura esecutiva (pignoramento) sui beni dello stesso, al fine di soddisfare il proprio credito.
La legge riconosce efficacia esecutiva ad una serie di documenti, tra …