giovedì 20 novembre 2014

E' già possibile avvalersi della procedura di negoziazione assistita dagli avvocati: se hai bisogno di informazioni puoi rivolgerti al nostro studio

La legge n. 162/2014 che ha convertito il DL 132/2014 ha definitivamente introdotto l'istituto della "negoziazione assistita dagli avvocati" in tre differenti modalità: 

1) volontaria;
2) obbligatoria;
3) per le soluzioni consensuali di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

In sostanza si tratta di «un accordo mediante il quale le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia tramite l'assistenza dei propri avvocati». 

Atttaverso tale procedura sarà dunque possibile trovare accordi transattivi evitando di arrivare in giudizio con l'assistenza qualificata di avvocati.

La durata massima della procedura deve essere individuata dalle parti, ma secondo la legge non potrà mai essere inferiore ad un mese né superiore tre mesi, termine prorogabile su intesa delle parti per ulteriori trenta giorni.
La soluzione negoziale della lite raggiunta deve essere conclusa in forma scritta e sottoscritta dagli avvocati, previa verifica da parte degli avvocati alla conformità «alle norme imperative ed all’ordine pubblico» e certificano le sottoscrizioni apposte dalle parti sotto la propria responsabilità.

L’accordo concluso costituisce titolo esecutivo e titolo per l’iscrizione della ipoteca giudiziale senza bisogno di alcun procedimento di omologazione giudiziaria.